Category : LIBRI

Miaooo! La mia vita a quattro… ops… due zampe.

Miaooo! autismoAutobiografia di una ragazza autistica ad alto funzionamento

In questo libro racconto pezzi di vita e cercherò di trasmettere quella sensibilità che ci vuole con ragazzi/e come me.
Mi chiamo Giada e sono una ragazzina di tredici anni. Sono anche autistica, in particolare sono Asperger.
Ho scritto questo libro soprattutto per i ragazzi e le ragazze della mia età, per fare capire loro cosa significa vivere, o meglio, convivere con la sindrome di Asperger.
Perché spero che le mie parole aiutino a comprendere meglio le nostre difficoltà e a farci accettare nella quotidianità della scuola, dello sport e del tempo libero.
Forse, questo libro può servire a non allontanare i ragazzi come me dal gruppo, ma aiutarli, per farli avvicinare dai loro coetanei con curiosità, accettando espressioni a volte strane, a volte troppo serie. Miao.

Non esiste al momento attuale una pubblicazione di questo genere.
È un libro unico perché è la prima volta che una ragazzina di tredici anni, autistica ad alto funzionamento, scrive una autobiografia, dedicata soprattutto ai bambini e ai ragazzi per conoscere meglio questo particolare modo di percepire, essere e stare nella realtà e nel mondo.
È unico anche perché si è rispettata al massimo la struttura grammaticale e sintattica di Giada, che è lo specchio del modo peculiare con cui pensa e si esprime un individuo autistico ad alto funzionamento. Ciò permette di affacciarsi, sicuramente in punta di piedi e con il massimo rispetto al loro specifico modo di vedere e sentire la realtà e il mondo.
Le storie autobiografiche sono sempre utili per conoscere, per imparare, per insegnare, come esempi significativi di resilienza.
Il racconto di Giada permette a ciascuno di noi di compiere un viaggio particolare e di uscirne, in parte, trasformati.

Autori:               Cristina Balzaretti. Giada Barzaghi

Editore:             La Vita Felice
Pubblicazione: ottobre 2015
ISBN/EAN:       9788877997609

Pablo Asensio – IL GIOCO

Pablo Asensio libro Il giocoDa due chiacchiere a distanza tra due cugini in chat scaturisce un gioco, una provocazione alla creatività che genera quindici racconti che spaziano tra vari generi narrativi. Un esperimento che parte su un social network per atterrare su carta un po’ in controtendenza. Quindici storie in un crescendo di emozioni e sorprese che non vi deluderanno.

Link: http://ilmiolibro.kataweb.it/libro/narrativa/306548/il-gioco-5/

IL CASO PANTANI di Luca Steffenoni

Dal 22 giugno in libreria

Una morte da rockstar e il caso è chiuso. Ma qui non siamo a Los Angeles, siamo nel paese dei misteri irrisolti, dei depistaggi e delle doppie verità. State per leggere un giallo scritto da un criminologo che in un crescendo di suspense e rivelazioni entra nella scena di un suicidio troppo imperfetto per essere vero.

Una storia che deve essere raccontata anche dopo che l’iter processuale ha detto la sua ultima parola. Una storia che ci porta dritti nel territorio di una verità indicibile e clamorosa. Marco Pantani era un fuoriclasse troppo irregolare. La squalifica che lasciò sgomenta l’Italia intera era in realtà una gigantesca truffa ai suoi danni. In un giro di scommesse clandestine la criminalità
organizzata aveva puntato cifre folli sulla sconfitta del Pirata. Gli elementi rilevanti per un criminologo fanno ritenere del tutto improbabile l’ipotesi del suicidio. Allora il caso non può essere chiuso.
L’autore chiede l’intervento della Commissione parlamentare antimafia, forse è l’unica strada per stabilire una verità che rischia ancora di far saltare troppi intoccabili. L’ultima strada per rendere giustizia a un uomo fragile e a un grande campione.

Luca Steffenoni è un criminologo che lavora come consulente per diversi tribunali. Da anni segue i grandi gialli italiani unendo le sue competenze professionali all’attività di scrittore e narratore. È stato redattore della rivista “Delitti & Misteri” ed è autore di vari libri, tra i quali ricordiamo: “Presunto colpevole” (Chiarelettere 2009) e “I 50 delitti che hanno cambiato l’Italia” (Newton Compton 2016). Come criminologo è spesso ospite di trasmissioni televisive e radiofoniche.